Ci occupiamo di

CIBO PER LA MENTE è al servizio delle imprese e di tutte quelle persone che ambiscono a una educazione che ispiri la voglia di crescere. I nostri interventi formativi si sviluppano all’interno di tutte le aree della vita privata e professionale. I corsi infatti si estendono verso tutte le aree per la crescita personale e aziendale, sono stati studiati e analizzati per permetterci di conoscere e di educare l’individuo nei comparti che più gli interessano in modo da  affrontare le sfide della vita e quelle dell’attività professionale.

I corsi sono già progettati, ma vengono anche creati su misura con la richiesta del committente dopo una attentata analisi e adeguata verifica.

Parliamo di Fondi Paritetici Interprofessionali: cosa sono e come possiamo usarli

I Fondi Paritetici Interprofessionali sono strumenti per investire in Formazione e per ottimizzare la preparazione dei propri dipendenti.

Nati con la legge 388/2000, permettono di destinare lo 0,30% dei contributi previdenziali versati all’INPS per il finanziamento di iniziative pubbliche di formazione e aggiornamento dei lavoratori alle quali far accedere i propri dipendenti. Esistono diverse tipologie, a seconda del settore di competenza.

Come aderire

L’INPS è l’ente deputato alle decisioni riguardanti il riconoscimento e la decorrenza dell’adesione ai Fondi Paritetici Interprofessionali. Le aziende aderiscono a un fondo versando contributo all’INPS che lo girerà al Fondo stesso. L’iscrizione a questi fondi può essere effettuata in forma elettronica tramite il sito dell’INPS, nella sezione dedicata.

Con l’adesione al Fondo (che è revocabile), l’azienda si guadagna l’accesso alle attività formative per i dipendenti, accesso che viene rimodulato con precisione, tramite avvisi e bandi pubblici che stabiliscono le singole modalità di iscrizione. I piani formativi vengono organizzati su scala territoriale, aziendale o settoriale e le imprese possono dunque scegliere se aderirvi in forma associativa o singolarmente.

La legge N° 289/02 ha incentivato la flessibilità dei Fondi Paritetici Interprofessionali rendendo più semplice, per le aziende, Finanziare attività e piani formativi a livello individuale.

Modalità di utilizzo

Tre sono le modalità con le quali un ‘azienda può utilizzare le risorse dei fondi:

  1. Con un conto Formazione aziendale l’azienda ha la possibilità di utilizzare la quota accantonata dello 0,30% per progettare attività formative in linea con le proprie esigenze e in collaborazione con enti esterni.
  2. Con un voucher Formativo l’impresa può acquistare per i suoi dipendenti seminari, master, workshop e corsi da un “catalogo”.
  3. Con un progetto territoriale o settoriale l’azienda può usufruire di progetti formativi organizzati da enti e associazioni che rispondano alle proprie necessità, cosi come espresse negli avvisi pubblici banditi dai vari fondi.

I Fondi Paritetici Interprofessionali attivi attualmente sono ventuno.

Fra i più importanti ci sono:

  • Fondimpresa ( Fondo dedicato per i lavoratori delle imprese industriali)
  • Fondirigenti ( Fondo dedicato per i dirigenti industriali)
  • Forte ( Fondo dedicato per i lavoratori del commercio, del turismo, dei servizi, del credito, delle assicurazioni e dei trasporti)
  • Fondir ( Fondo dedicato ai dirigenti del terziario)
  • Fonarcom ( Fondo dedicato per i lavoratori dei settori del terziario, artigiano, delle PMI)
  • Fondo Formazione Pmi Fapi ( Fondo dedicato per i lavoratori delle PMI imprese industriali)
  • Fondo Artigianato Formazione ( Fondo dedicato per lavoratori delle imprese artigiane)
  • Fonder ( Fondo dedicato per enti ecclesiastici, associazioni e fondazioni, coop, imprese con o senza scopo di lucro, aziende di ispirazione religiosa)
  • Agri ( Fondo di settore per la formazione professionale continua in agricoltura)
  • Fondazienda ( Fondo dedicato per quadri e dipendenti dei comparti del commercio-turismo-servizi-artigianato e PMI)
  • Fondo formazione servizi pubblici ( Fondo dedicato per la formazione continua nei servizi pubblici)
  • FBA ( Fondo dedicato per la formazione continua dei dipendenti  delle imprese operanti nei settori del credito e delle Assicurazione ad esso aderenti)

I Promotori

Quasi sempre i promotori sono i Sindacati dei datori di lavoro e dei lavoratori, che promuovono i fondi tramite specifici accordi e protocolli interconfederali sottoposti a un coordinamento da parte dell’amministrazione statale e locale.

La legislazione

  • Legge n° 845 del 1978
  • Legge n°236 del 1997
  • Legge n°53/2000

L’articolazione dei piani formativi e le eccezioni riguardanti piani straordinari di intervento, interventi di formazione a favore dell’auto imprenditorialità e agevolazioni per gli over 45 e per i lavoratori con titoli di licenza elementare e media, sono regolati dalle leggi n°289/02 – n°2/2009 – n°183/2010 e n° 289/02

Conoscere le aree di protezione della vita del patrimonio e dell’attività professionale e l’importanza di cosa fare e perché, diventa un argomento da non sottovalutare, questo per garantirsi un futuro sereno sia in abito professionale sia in ambito famigliare; donare una tranquillità economica e patrimoniale oggi è diventato prioritario, visto che ormai il sistema assistenziale statale ci ha dato a tutti delle certezze e preoccupazioni non da poco sul mancato sostegno, sia psicologico sia economico. La nostra formazione stabilisce in maniera concreta la conoscenza di come fare, cosa fare e perché avere un’adeguata informazione ed educazione. Questo vi permetterà di affrontare le sfide del futuro con più serenità.

Al corso di Educazione Assicurativa di due giorni andremo a conoscere:

  • Cos’è l’assicurazione
  • Le regole da rispettare nel contratto
  • Da che cosa è regolamentato il contratto
  • La tutela del consumatore
  • Cosa significano alcune termologie assicurative
  • I limiti contrattuali delle polizze assicurative
  • Le cose da sapere nella stipula del contratto
  • Quali priorità scegliere nelle protezioni assicurative
  • Quali vantaggi

Ormai tutti hanno compreso che le certezze e la fiducia sui mercati finanziari si è persa: la crisi ha portato grosse perdite in ogni settore economico, portando poi alle crisi famigliari e aziendali, aumentando la negatività verso il futuro e colpevolizzando ogni gestore o promotore finanziario. Molte persone pensano che essere investitori di “successo” equivalga a seguire delle “dritte”. Se qualcuno vi contatta e vi propone delle dritte, chiedetevi: “Come mai mi sta proponendo questo?”. E lasciate tranquillamente perdere. Se seguite le dritte di qualche amico (o parente o il famoso cugino intelligente) perderete soldi e probabilmente anche l’amico (o il parente). Ci sono libri che insegnano come diventare ricchi investendo in azioni. Programmi software che promettono di negoziare nei mercati finanziari con successo. Domandatevi: se io avessi un sistema che mi permette di diventare ricco, lo pubblicizzerei in un libro oppure lo venderei inserendolo in un programma software?

Lo Scopo di questo corso è di educare il partecipante a diventare un investitore consapevole che possa prendere da sé le proprie scelte in ordine agli investimenti. Quantomeno dovrà essere in grado di soppesare con attenzione le proposte di chi offre consulenza finanziaria.

Al corso di educazione Finanziaria di due giorni andremo a conoscere:

  • Basi solide per il fai da te
  • L’investimento con consapevolezza
  • Il ruolo dei consulenti
  • La pianificazione finanziaria famigliare
  • Il profilo di rischio
  • L’asset allocation
  • Rischio e Diversificazione
  • Come contenere i rischi
  • Cosa guardare prima di investire
  • Il Ciclo economico
  • Azioni e obbligazioni e titoli di stato.

In collaborazione con un primario studio i cui collaboratori hanno esperienza pluriennale presso importanti studi legali internazionali con sede a Milano, CIBO PER LA MENTE fornisce una consulenza altamente specialistica in materia di protezione dei dati personali.

  • Tutti i professionisti e consulenti dello Studio partner sono iscritti in albi professionali (Albo degli Avvocati, Albo dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili) e/o certificati come:
  • Data Protection Officer (DPO)
  • Certified Information Privacy Professionals Europe e United States (CIPP/E/US)
  • Certified Information Privacy Manager (CIPM) ISO standard 17024

nonché abilitati come:

  • Auditor/Lead Auditor nell’ambito dei Sistemi di Gestione Sicurezza delle Informazioni ISO/IEC 27001:2013
  • Auditor Database & Privacy Management secondo lo schema di certificazione SGCMF 10002:2013
  • European Privacy Auditor secondo lo schema ISDP©10003:2015, PRD UNI EN ISO/IEC 17065©2012.

Siamo dunque a tua disposizione per fornirti informazioni e formazione, nonché consulenza, nel settore della Privacy online e offline.

Come possiamo aiutarti?

Contattaci per approfondire i nostri servizi per la tua realtà personale e imprenditoriale.

Ho seguito un corso di Stefano e ora continuerò ad aggiornarmi sul sito.
Concetto mi ha colpito di più: abbiamo già gli strumenti per arrivare dove dobbiamo arrivare.
Leitmotiv del corso: “Voglio. Faccio. Sarà”.

Fabio
Commerciante e Networker